“Domani” – Una terra mistica dove è immagazzinato il 99% di tutta la produttività umana, la motivazione e il successo.

Indipendentemente da quanti libri sulla produttività abbiamo comprato (e non abbiamo letto) o quanti video motivazionali abbiamo guardato (e non abbiamo mai messo realmente in pratica), a un certo punto della nostra vita lottiamo con la piaga della produttività dell’era moderna: il procrastinare.

In effetti, la procrastinazione non è nuova. Gli antichi filosofi greci (Aristotele in primis) hanno sviluppato una parola per questo: Akrasia.  

Procrastinazione ed Akrasia hanno molti punti di contatto, anzi potremmo dire che l’Akrasia è una forma di procrastinazione: la peggior forma di procrastinazione.

Esistono infatti molteplici forme di procrastinazione, tante quante le cause che la scatenano.

L’Akrasia invece è l’essenza della procrastinazione negativa; si tratta di un comportamento del tutto irrazionale e molto diffuso: siamo perfettamente consapevoli che portare a termine determinate attività ci permetterà di raggiungere i nostri obiettivi; sappiamo inoltre che guardare la tv o navigare senza meta su internet renderà le cose peggiori, eppure… non riusciamo a resistere.

Da allora, questa innata afflizione di agire contro il nostro “giudizio”, ritardare l’azione necessaria e procrastinare sui nostri compiti personali si è evoluta a tal punto che l’umorismo della citazione di apertura (“Domani” – Una terra mistica dove è immagazzinato il 99% di tutta la produttività umana, la motivazione e il successo.) deriva davvero dal fatto che è così dolorosamente vero.

In questo post tratteremo e approfondiremo due argomenti:
1 – Perché tutti noi procrastiniamo
2 – Come possiamo smettere di procrastinare.

Perché procrastiniamo?

La procrastinazione è un perfetto esempio di pregiudizio attuale.

Il pregiudizio attuale è l’idea che, anche se possiamo fissare tutti gli obiettivi che vogliamo per il nostro “io futuro”, è il nostro “io presente” che deve compiere l’azione per arrivarci. Sfortunatamente, il nostro cervello non è programmato per apprezzare i benefici a lungo termine e il nostro “io attuale” preferirà sempre i piaceri a breve termine sotto forma di gratificazione istantanea che spesso va a scapito di risultati a lungo termine.

Ecco come uno studio del 2013 ha definito procrastinazione:

La procrastinazione è il miglior modo nel dare beneficio immediato al nostro all’umore… rispetto al ben più profondo beneficio che ci daranno le azioni previste nel lungo termine.

In altre parole, procrastinare (quindi rimandare) significa essere più concentrati sull’urgenza immediata di gestire gli stati d’animo negativi e allontanare il problema piuttosto che andare affrontare il compito nel presente.

Quando rimandiamo le cose in un punto nel futuro (es: domani, la prossima settimana o peggio ancora, ‘ad un certo punto’), la tensione che sentiamo scompare. Il compito ci viene tolto dalle spalle. Siamo felici di aver assegnato un tempo per portare a termine il compito, anche se quel tempo è “ad un certo punto nel futuro”.

La cosa ancora più inconcepibile della procrastinazione è che, in certi scenari, sappiamo che non possiamo permetterci di procrastinare.

Nel mio lavoro ci sono molte situazioni in cui non posso ritardare, ad esempio se si blocca il sito web so che non posso rimandare, anche se questa situazione non è piacevole.

Ma quando ho la possibilità e la libertà per gestire il mio tempo, improvvisamente quel mondo di distrazioni e la capacità di trovare scuse a me stesso, vuol dire che mi sento in grado di scaricare molti compiti sul mio io futuro.

Eppure sappiamo che procrastinare non ci fa bene.

Ritardare le attività che dobbiamo semplicemente fare… non risolve il problema, prima o poi dovremmo farle. Ancora peggio se questi compiti hanno scadenze o comportano conseguenze negative per non averli eseguiti. Prima o poi, pagheremo anche salatamente gli effetti delle nostre tattiche dilatorie.

Cosa possiamo fare contro la procrastinazione?

Capire e impadronirsi della verità che si celano dietro due fattori chiave: motivazione e slancio – e usare un paio di semplici regole – la regola dei due minuti e la regola dei dieci minuti – che hanno contribuito a ridurre il peso che la procrastinazione ha nella mia vita.

Motivazione

È tipico sentire le persone dire “Non riesco a trovare la motivazione”, “Vorrei avere più motivazione” o “Ho bisogno di una motivazione per iniziare”.

Fonte: Motivazione a vite, quello di cui hai bisogno è la disciplina.

La verità è che abbiamo una motivazione sbagliata.

La motivazione non è la scintilla o la causa dell’azione, è il risultato di quell’azione.

Come dice Jeff Haden nel suo libro ” The Motivation Myth “

La motivazione non è qualcosa che hai, la motivazione è qualcosa che ottieni, automaticamente, dal sentirti bene nel raggiungere piccoli successi.

Se l’azione è subordinata ai sentimenti, aspettare il giusto umore diventa una forma particolarmente insidiosa di procrastinazione. Che ci piaccia ammetterlo o meno, la motivazione è fondamentalmente un mito.

Quindi, se non la è motivazione, allora che cosa è che ci potrebbe aiutare?

Ho iniziato a sostituire l’idea di motivazione con quella di disciplina. La disciplina è come un motore che, una volta avviato, fornisce energia al nostro sistema. Crea anche abitudini, il che significa che non dobbiamo fare affidamento solo sulla forza di volontà per cercare di evocare qualche esplosione di energia a breve termine.

In sostanza, la disciplina produce un’azione che porta a una forma di motivazione più sostenibile.

Fonte: Procrastinazione: una guida scientifica su come smettere di procrastinare

“Trovare” la motivazione può aiutarti a iniziare, e iniziare è il fattore chiave per il secondo fattore chiave: – il Momentum.

Momentum (lo slancio)

La resistenza che abbiamo prima di eseguire un compito è di solito massima proprio prima di iniziare. Il semplice pensiero di iniziare e superare quella resistenza è dove prospera la procrastinazione.

Infatti, Steven Pressfield nel suo libro, LA GUERRA DELL’ARTE , descrive questo sentimento della ‘resistenza’ come una forza universale che ha un’unica missione: mantenere le cose come sono, impedendo l’azione, la creatività e il progresso…

Aggiungo: il risparmio della nostra energia, qualsiasi essa sia. Il nostro cervello non vuole sprecare energia, vuole essere “lasciato stare a oziare”.

In altre parole, la resistenza fornisce il cuore pulsante della procrastinazione.

Ma non appena iniziamo, non appena attraversiamo la linea d’azione, il dolore inizia a diminuire. Il problema non è fare il lavoro ma solo iniziare il lavoro.

Lo slancio (il momentum) non può accumularsi rimandando qualcosa. Una palla non può iniziare a rotolare giù da una collina finché non la spingi oltre il bordo, ma una volta che l’hai spinta oltre il bordo, acquista slancio ed è difficile da fermare.

Fonte: Procrastinazione: una guida scientifica su come smettere di procrastinare

James Clear la chiama la “fisica della produttività ” a causa del modo in cui si relaziona alla prima legge del moto di Newton o alla legge dell’inerzia che afferma che:

Ogni corpo rimane in uno stato di velocità costante a meno che non sia agito da una forza esterna sbilanciata.

Prima legge del moto di Newton

Quando stiamo procrastinando siamo in uno stato di riposo: la motivazione non fa “rotolare la palla”. Solo l’azione può agire come la “forza squilibrata esterna” per spingerci in uno stato di movimento. Una volta in movimento, si sviluppa un ciclo di feedback e diventa più difficile fermarsi perché il desiderio di completare le attività fornisce la spinta necessaria per continuare ad andare avanti.

Non appena me ne sono reso conto, ho iniziato a essere più consapevole di sviluppare questo slancio. Rafforza l’importanza di iniziare, in qualsiasi modo possibile, perché qualsiasi azione farà rotolare la palla, rendendo più facili le azioni successive e più difficile la procrastinazione.

Le due regole per vincere la procrastinazione

Per molti di noi, la procrastinazione di solito ruota attorno a compiti che sono:

  • Un compito piccolo e fastidioso oppure
  • Un compito grande e scoraggiante.

Dopo aver imparato ad apprezzare l’importanza della motivazione e dello slancio, ho trovato due tecniche particolarmente utili per superare ciascuno di questi tipi di compiti: la regola dei due minuti e la regola dei dieci minuti.

La regola dei 2 minuti

La regola dei due minuti è un concetto proposto dal guru della produttività David Allen nel suo libro Getting Things Done . L’idea principale è che, se abbiamo un compito in sospeso che può essere completato in meno di due minuti, dovremmo farlo subito. Nessuna esitazione, nessun ritardo. Se ci vorranno più di due minuti, dovremmo annotarlo su un elenco a cui tornare quando avremo più tempo.

È così semplice.

Questa strategia di gestione del tempo elimina inutili procrastinazioni su piccole faccende o compiti e riduce il disordine nel nostro cervello che ci distrae dal quadro più ampio.

La regola dei 10 minuti

Chiaramente ci sono alcune attività che non possiamo completare in due minuti. Pianificare, scrivere e filmare un intero video di YouTube non può essere completato in segmenti di due minuti. Scrivere una tesi sarebbe difficile da completare a intervalli di 2 minuti. Creare una presentazione al lavoro è difficile da creare in 2 minuti. Credo di aver passato l’idea.

Tuttavia, se ci troviamo a procrastinare su questi compiti più grandi e scoraggianti, l’altra tecnica che uso per iniziare è la regola dei 10 minuti.

La regola dei 10 minuti è semplice. Se mi ritrovo a rimandare qualcosa che devo fare, mi dico che lo farò solo per 10 minuti. Ne più ne meno. Solo 10 minuti.

Ma il potere dietro questa tecnica risale all’idea di slancio.

Una volta che ho iniziato, dopo aver fatto 10 minuti, non voglio fermarmi soprattutto quando sto facendo progressi. Improvvisamente lo slancio si accumula, un compito tira l’altro che ne porta un altro. Ovviamente, potresti annoiarti dopo 10 minuti, ma sappiamo intrinsecamente che non amiamo lasciare i compiti a metà e quindi 10 minuti si trasformano rapidamente in 20, poi 30 e improvvisamente facendo progressi ti senti motivato… e chiudi il tuo compito!

Alcune persone chiamano questa regola la regola dei 30 minuti, la regola dei 20 minuti, la regola dei 5 minuti – non importa come si chiama, l’idea è la stessa: stiamo ingannando il nostro cervello dicendogli che non lo impegneremo per tanto tempo.

Fondamentalmente, superare la procrastinazione significa mantenere la disciplina, generare slancio e garantire che i compiti che è necessario svolgere in un dato giorno siano realizzabili e gestibili.

Nonostante i consigli che ho dato in questo articolo, lotto ancora con i momenti di procrastinazione. Noi tutti facciamo.

La procrastinazione è un difetto di carattere che tutti noi abbiamo. Ciò che conta è che possiamo riconoscerlo, imparare a gestirlo, sviluppare strategie per superarlo e creare un sistema che riduca al minimo le opportunità che emerga in futuro – è qualcosa che tutti possiamo iniziare a sviluppare oggi, o forse lasciarlo a domani…

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.